pile knitting · la magia della silver reed sk830

Il punto pelliccia (pile knitting) è il marchio di fabbrica delle Silver Reed: fra le macchine giapponesi domestiche solo loro sono in grado di formare un loop chiuso e annodato, in automatico, seguendo un disegno. Eccone qui un esempio, sperimentando uno dei miei pattern islamici preferiti e disegnato ad hoc.

Si utilizzano entrambe le fronture, con il telo montato sulla seconda frontura — il lato liscio a dritto è di fronte a me, mentre il rovescio col pellicciotto, al contrario, è nascosto alla mia vista — in modo da sfruttare la capacità del carrello principale di selezionare gli aghi in pattern (seguendo uno schema).

Una volta avviati i punti e lavorati i primi giri a rasata, finisco con il carrello a destra e porto in lavorazione gli aghi della prima frontura, con leva di spostamento in H (come per lavorare a maglia unita), pronta a caricare lo schema. Il mio disegno avrà una riga completamente bianca ad ogni giro pari (uno sì e uno no) — equivale ad un giro lavorato su tutti gli aghi della seconda frontura — e l’impostazione del DAK nelle opzioni di lavorazione sarà su Fair Isle. Molto semplice.

Il carrello è ancora a destra. Adesso dovrò inserire nella macchina il secondo filo, quello che formerà i punti a pelliccia, nel beccafilo del vanisé: nel ponte della seconda frontura sposto la levetta in P – Pile e catturo il filato con l’ago ad uncino, da sotto il carrello. L’ infilatura si vede nella prima foto qui sotto e si ottiene più facilmente abbassando di un livello la seconda frontura. Il primo filo rimane nel solito alloggio principale e contribuirà a bloccare le boccole allungate, oltre che a formare la struttura in maglia rasata sottostante. Questa è la magia del carrello delle Silver Reed, il potere cioè di formare i punti pelliccia e contemporaneamente lavorare entrambi i fili a rasata, in un solo passaggio.

Dove ero rimasta? Ah sì! il carrello è a destra, rimane solo di avviare il download e l’interactive knitting: con il nuovo cavo Silverlink-5 questi due passaggi avvengono con un unico comodissimo comando nella sezione di interactive knitting del programma. Dunque avvio il download (premo il semaforo verde), nel carrello verifico che la manopola dei disegni sia impostata sulle maglie passate (S-lip/J-acquard), a questo punto posso muovere il carrello a sinistra e cominciare la lavorazione in pattern.

Per visualizzare i movimenti dei carrelli mi avvalgo di un video: passerò il carrello P una volta sola sulla seconda frontura, ad ogni giro, per tirare in fuori gli aghi in posizione D — la paletta è oltre la boccola — ed assicurarmi in questo modo che il filo venga lavorato su tutti gli aghi; e due volte sulla prima frontura, per scaricare i punti allungati della pelliccia. Taaaaaac!

(disclaimer: lascio volutamente sottintesi i passaggi dell’avviamento e della chiusura, perché se si arriva a fare il punto pelliccia non si è sicuramente dei/delle principianti)

references utili per capirne di più:
· un video tutorial in lingua russa del punto con una Silver Reed a schede perforate: è il procedimento più vicino a quello che ho affinato io;
· un altro video tutorial russo di nove anni fa del punto in versione manuale, su una Neva-2 (tipo Passap/Pfaff, ma vale per qualsiasi modello di macchina domestica);
· il video tutorial di Diana Sullivan del punto pelliccia every other needle (ad aghi alternati) — ed every other row (a righe alternate) — su una Brother;
· infine, un altro video tutorial di Diana Sullivan, sempre su una Brother ma con tutti gli aghi.

sweet leaf · il tutorial definitivo

Finalmente eccolo, il pattern di foglie che cercavo in dicembre! Questa volta sono riuscita ad ottenere un buon compromesso fra automazione del carrello e trasferimento dei punti manuale, anche grazie ad un tutorial che ho trovato per caso su Youtube (di cui trovi il link nella descrizione del video). Attiva i sottotitoli ed eventualmente la traduzione automatica nella tua lingua. Il punto è abbastanza articolato, ma spero sia chiaro.
Qui di seguito scarica il file .stp del punto per DAK: la modalità è Fair-isle, con l’inserimento di un codice colore per seguire la lavorazione a monitor, attraverso la funzione interactive knitting del programma. Ricorda solo: riga rosa = manopola in P (trasferimento dei punti senza filato), riga blu = manopola in L (lavorazione col filato). Inoltre consiglio di annullare gli avvisi vocali che rallenterebbero notevolmente la lavorazione ad ogni passaggio.

questo è lo schema in simboli di partenza: le righe grigie si riferiscono ai tre punti che sposto a mano col punzone, prima verso l’esterno e poi verso l’interno (seguendo la forma della foglia)
● = foro, eyelet
⋋ = diminuzione a sinistra
⋌ = diminuzione a destra
⩚ = diminuzione doppia centrale (tre punti in un ago)
\ = spostamento a sinistra
/ = spostamento a destra

aggiornamento: inserisco qui sotto una versione .pdf del pattern, allargato a 24 punti e allungato per farlo rientrare in una scheda perforata Brother. Il risultato è piuttosto esagerato, sono 228 righe in totale, considerando solo i giri del carrello Lace. Non credo valga la pena, ma siccome me lo hanno chiesto, eccolo : )
spiegazione: dopo le righe blu, lavora i punti per due giri con il carrello Knit; dopo le righe arancioni, trasferisci a mano i tre punti appena formati e poi riprendi a trasferire punti col carrello, come mostro nel video.

campione della versione per scheda perforata da 24 punti in larghezza, eseguito in realtà su una Brother elettronica KH940 (per far prima): la foglia è più larga ma nel complesso il risultato è apprezzabile. Ora bisogna capire chi mai si avventurerà a perforare la scheda : ))

aggiornamento 2: inserisco anche il file .stp del punto ‘piccolo’ (da 20 punti x 136 giri), da lavorare con le Brother elettroniche. Il metodo è sempre lo stesso, cioè prevede lo spostamento manuale dei tre punti per sagomare la foglia, esattamente come mostro nel video con la Silver Reed. Con la differenza dei due carrelli Brother: si parte con il carrello Lace a sinistra e si lavorano le maglie con il carrello Knit a destra (il pattern è già ribaltato orizzontalmente, pronto per essere lavorato). In questa versione sono considerati solo i giri del carrello Lace, che ingaggia la cinghia dei disegni (timing belt) e dunque avrà il magnete dell’interactive knitting. Il carrello Knit rimane settato per la maglia rasata, senza magnete. Dunque nell’interactive knitting le istruzioni sono: dopo le righe blu, lavora i punti per due giri col carrello K; dopo le righe gialle, sposta manualmente i tre punti assieme (vedi il video) e poi riprendi gli spostamenti automatici con il carrello L, fino alla successiva riga blu. Buona maglia : )

fashion lace con la sk830

Quest’anno, aproffittando della pausa natalizia, ho esplorato il carrello Lace della nuova sk830, mettendo a punto uno schema ispirato ad una foto girata in un gruppo FB, dedicato alle Silver Reed elettroniche. Nel video spiego come ho eseguito questo motivo a foglia, nella modalità “fashion lace”, caricando il disegno tramite il software DAK9 nel controller PE1/EC1 (per fare questo uso un cavo Silverlink-3).

Con i motivi “fashion lace”, il carrello Lace della sk830 utilizza lo stesso metodo delle macchine Brother, trasferendo in un primo momento i punti di ago in ago e in seguito lavorando le maglie. Tutto questo però avviene con un solo carrello anziché due.

Il disegno è un modulo di 24 punti x 140 righe (compresi i trasferimenti) e nel campione l’ho raddoppiato. Ho aggiunto giusto tre maglie ai lati per avere i bordi netti a maglia rasata, mentre ho posizionato le camme proprio sul 24° ago, a sinistra e a destra.

Opzioni del DAK: trasferisci il disegno in modalità Fair isle, senza spuntare la voce “start swatch with CAL when changer is OFF” (anzi, non spuntare alcun comando nella sezione SetUp delle Opzioni).

Qui di seguito puoi scaricare il file .stp del pattern già pronto, realizzato da me, ma per modificarlo più facilmente è sempre meglio partire dallo schema a simboli (vedi immagine).
Fai così: disegna in Stitch designer il motivo utilizzando la palette dei simboli, poi invia il comando Print (Ctrl+P), scegli Stitch Pat Template e salva l’immagine .bmp o .pdf nel desktop.
Poi importa l’immagine in Graphics Studio per convertirla e salvarla come motivo fair-isle.

una griglia di fori (tuck+slip)

Un po’ lace, un po’ slip e un po’ tuck. Di questo schema esistono varianti che prevedono buchi più grandi: la difficoltà consiste nel “riempire” gli aghi vuoti consecutivi nella maniera più automatica e gradevole possibile. Quindi se riesco, impegni precedenti permettendo, seguiranno altri tutorial.

fogliame

Una volta trovato lo schema per la lavorazione ai ferri, dopo tre giorni di arrovellamenti sono riuscita ad elaborare la mia versione per macchine da maglieria: Brother elettroniche con Dak-9/img2track/ayab-knitting/mylar, oppure Brother meccaniche con schede perforate.

Il punto prevede l’utilizzo del carrello Lace per lo spostamento automatico delle maglie (eventualmente col magnete per l’interactive knitting del Dak-9) e dell’ago a paletta per lavorare manualmente le maglie a rovescio, ogni due/quattro passate di carrello Knit.

Prepara (almeno) 4 giri a rasata e lavora manualmente le prime due maglie a dritto (che nel dritto del lavoro risulteranno a rovescio): comincia dagli aghi 9-8 sinistra e 4-5 destra. Nel modulo si ripetono orizzontalmente dopo ogni 10 aghi.
Man mano che il lavoro cresce le due maglie a dritto/rovescio slittano di ago in ago, prima verso destra, poi verso sinistra, ma basterà manipolarle nel punto esatto in cui si trovano, per continuare il pattern correttamente.


pattern digitale da 12 punti: le celle colorate evidenziano gli aghi su cui bisogna lavorare le prime maglie a rovescio.

Attenzione: se utilizzi la scheda perforata da 24 punti, il modulo verrà centrato in modo differente. Perciò in questo caso le prime maglie da lavorare a dritto/rovescio cadranno negli aghi 3-2 sinistra e 10-11 destra.

simulazione del pattern riprodotto su scheda perforata da 24 punti: le celle colorate evidenziano gli aghi su cui bisogna lavorare le prime maglie a rovescio.

modulo digitale: 12 punti per 144 giri (di carrello Lace)
carrello Lace: a destra, con magnete per l’interactive knitting (Dak-9)
carrello Knit: a sinistra, KC normale per maglia rasata, senza magnete (Dak-9)
opzioni Dak-9: lavorazione Fair-isle, colour changer Off

nota bene: lo schema caricato alla macchina con l’impostazione Fair-isle verrà automaticamente ribaltato in orizzontale, ecco perché si dovranno usare il carrello Lace a destra e il carrello Knit a sinistra.

Nello schema ho segnato in verde l’ultimo giro di carrello Lace (spostamenti), dopo il quale verranno eseguiti i due giri classici di carrello Knit (maglia rasata).
I giri con i quadratini blu segnano il punto dopo il quale bisogna fare invece quattro giri di carrello Knit (maglia rasata). In ogni caso il colore, oltre a segnare la fine del gruppo di giri di spostamenti, evidenzia anche la posizione delle due maglie a dritto/rovescio da manipolare con l’ago a paletta. Non ti puoi sbagliare.

(scarica qui di seguito il file .stp per il Dak-9)